Chi sono

Carlo-Fiorani Nome: CARLO EUGENIO

 Cognome: FIORANI

 Anno di nascita: 1972

 

Il contesto

Sono perito agrario di formazione e fino al 2002 ho lavorato nell’azienda agricola di famiglia, condotta coltivando mais in monocoltura. E poi la svolta, l’azienda viene affittata e la passione per l’enogastronomia mi porta a lavorare nelle cucine come aiuto cuoco. Ecco che in poco tempo mi formo alla cucina professionale, lavorando in diversi locali e contesti.

 

Gli studi e le scienze gastronomiche

E’ quindi il 2004 quando, spinto dalla passione, vengo a conoscenza della prima edizione del corso di laurea dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Dopo aver affinato la conoscenza della lingua inglese sono stato selezionato per seguire il percorso formativo che mi porta a collaborare con l’associazione Slow Food per circa 5 anni, dal 2007 al 2011.

 “Le persone nel corso del tempo cambiano, maturano delle esigenze, io volevo fare qualcosa di mio. Volevo riuscire a fare qualcosa che avesse una forma e una definizione”.

Il progetto e la mia azienda

Ecco che quindi mi metto ulteriormente in gioco: imparo a preparare il pane, a lavorare la carne di maiale e a trasformare i prodotti agricoli in conserve e confetture.

All’inizio del 2012 parte questa avventura, che vede il mio ritorno a Castelverde, in provincia di Cremona, e la realizzazione concreta di quel progetto legato alla ri – attualizzazione del concetto di “economia agricola” che, al giorno d’oggi, suscita ancora molta, forse troppa, diffidenza. Pannelli fotovoltaici per l’indipendenza energetica, poi il forno dove viene prodotto pane a lievitazione naturale, i campi dove viene coltivato il grano per la produzione della farina e dell’orzo per la birra; i maiali allo stato semi – brado per produrre il salame tipo Cremona, la coltivazione di ortaggi che vendo freschi oppure trasformati in confetture e conserve, le galline libere e le loro uova.

Questa è la mia idea e il mio progetto, anche se il tutto è sempre in divenire…

 

 

 

 

 

Login

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.


Lost your password?